PANS AND needles

ricette vegane, senza glutine e un po' della mia vita

Torta alla vaniglia con fragole/Vanilla-strawberries layer cake

Sabato scorso è stato per noi un giorno indimenticabile. Esattamente un anno fa, dopo una telefonata del giudice dei minori di Bologna, M. ed io andavamo a conoscere nostro figlio di appena diciassette giorni. Era minuscolo. Se ci ripenso mi commuovo quindi lascio il racconto completo a un altro momento (il lunedì sera è in realtà il momento sbagliato per intraprendere qualsiasi cosa che non sia aprire un libro o far partire una puntata di una serie tv). 
Per ricordare e festeggiare il nostro primo, velocissimo, anno insieme abbiamo organizzato una piccola festicciola a casa. Per l'occasione ho voluto preparare quella che per tantissimi anni è stata la mia torta di compleanno, una torta alla vaniglia a due strati con tante fragole e panna, ovviamente vegana e senza glutine.

Per ottenere due torte da sovrapporre, duplicate gli ingredienti e cuocete il composto in due tortiere dello stesso diametro.

3/4 tazza di zucchero di canna
1/4 tazza di margarina di soia
il sostituto di un uovo, tipo Egg replacer (1 cucchiaio di egg replacer + 2 cucchiai di acqua)
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 1/2 tazza di farina senza glutine
1 1/4 cucchiaino di lievito
1/4 cucchiaino di sale
3/4 tazza di latte vegetale

Accendete il forno a 175°. Oliate e infarinate una tortiera media. In una terrina unite lo zucchero, la margarina,il sostituto dell'uovo e la vaniglia. Aggiungete la farina, il lievito, il sale e il latte e mescolate velocemente. Versate il composto nella tortiera e infornate per circa 30-35 minuti. Lasciate raffreddare completamente prima di farcire con le fragole e la panna.






3/4 cup brown sugar
1/4 cup vegan margarine
egg replacer to equal 1 egg
1 tsp vanilla extract
1 1/2 cups flour
1 1/4 tsp baking powder
1/4 tsp salt
3/4 cup milk

Preheat oven to 175°. Lightly oil a round cake pan. In a large bowl, cream together  the sugar, margarine, egg replacer and vanilla. Add the flour, baking powder, salt and milk and stir together gently until just mixed. Spread into cake pan and bake for 30-35 minutes. Let cool completely before frosting with strawberries and whipping cream.
For a layer cake, double the recipe and bake in two cake tins.



cous cous crudista/raw cous cous


La scorsa settimana ho sperimentato una nuova ricetta: il couscous crudista. Al posto del classico grano (o il mais per noi celiaci) ho utilizzato il cavolfiore crudo. Suona strano lo so, ma vi assicuro che sorprende per la sua bontà e ora che si è aperta la stagione del picnic è perfetto!



500 gr di cavolfiore
200 gr di pomodorini
1 cipolla rossa
3 cucchiai di uvetta ammollata
2 cucchiai di pinoli
menta
prezzemolo
sale
pepe
olio evo
succo di 1 limone



Mettete il cavolfiore in un mixer e tritatelo grossolanamente. A parte tagliate i pomodorini e tritate la cipolla. Unite il cavolfiore, i pomodorini, la cipolla, i pinoli e l’uvetta. Cospargete di menta e prezzemolo. Condite con sale, pepe, olio e infine succo di limone.

Buona settimana!


500 gr cauliflower
200 gr cherry tomatoes
1 red onion
3 tablespoon raisins
2 tablespoon pine nuts
mint
parsley
salt
pepper
olive oil 
1 lemon juice

Roughly chop the cauliflower. Slice the tomatoes and chop the onion. Combine cauliflower, tomatoes, onion, raisins and pine nuts. Spread with mint and parsley. Dress with salt, pepper, olive oil and finally lemon juice.


Have a nice week!

Torta al grano saraceno con marmellata di albicocche di Valeria


Se qualcuno di voi non fosse mai andato alle Terme di Merano (BZ), beh ecco, rimedi al più presto regalandosi almeno tre ore di relax tra terme e saune di ogni tipo. Noi ci siamo tornati questo fine settimana.
In realtà il vero scopo della nostra mini vacanza, o meglio fuga, era riabbracciare una mia, nostra dai, cara amica, Valeria. Ex collega e attuale grande amica, Valeria, che non è di Merano, ma lì ha trovato l’amore, quello con l’A maiuscola, sta diventando famosa a Merano e Bolzano per la sua incredibile pasticceria vegana.
In Sud Tirolo, trovare dolci vegani, non confezionati, è un’impresa difficile, ma ora grazie a Valeria e alla sua Peekaboo Vegan Bakery sempre un po’ meno.
Trovate i suoi dolci presso il Café Elisabeth di Merano (ah quando andate, ordinate a Stefano, il barman, un cocktail molecolare, io sono rimasta con la scritta WOW sulla fronte tutta la sera!). 






Tornando a noi, per l’occasione Valeria mi ha preparato una torta al grano saraceno con marmellata di albicocche, ovviamente senza glutine. Uno vero spettacolo. Sono anche riuscita a farmi regalare la ricetta per condividerla  con voi.

250 gr farina di grano saraceno
50 gr farina di mais fioretto
200 gr zucchero di canna
40 gr amido di mais 1 bustina di lievito
½ cucchiaino di bicarbonato
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaino di aroma di rhum
100 gr olio di semi di girasole
250 gr latte di soia 


marmellata di albicocche


Accendere il forno a 160° (statico). Mixare semplicemente tutti gli ingredienti e infornare per 50/60 minuti. Far raffreddare completamente, tagliare a metà e farcire con la marmellata di albicocche. 


250 gr buckwheat flour 
50 gr corn flour
200 gr brown sugar
40 gr corn starch
2 teaspoons baking powder
½ baking soda
1 teaspoon cinnamon
1 teaspoon rhum extract
100 gr canola oil
250 gr soy milk 

apricot jam

Preheat your oven to 160°. Mix all ingredients and bake for 50/60 minutes. Let cool, then cut the cake in two layers. Put the jam over the first layer, place the second  on top of it.



Cupcakes alla vaniglia con gocce di cioccolato per qualcuno di molto speciale




Ciao. Oggi è il compleanno, il primo, di Davide. L’anno scorso non avremmo mai immaginato di essere qui con lui. Lo speravamo, lo sognavamo, questo sì. In realtà la prima volta che vedemmo Davide fu il 18 aprile, ma di questo magari ve ne parlo un’altra volta che è una storia mooolto lunga. Per tutto questo anno ho cercato di non dare mai a Davide alimenti che contenessero zucchero, ma oggi è un’occasione speciale e nelle occasioni speciali bisogna sgarrare. Volevo che si gustasse, o meglio pasticciasse, il suo primo dolce e così ho preparato dei cupcakes alla vaniglia con gocce di cioccolato. Per il frosting mi sono affidata a una ricetta di Manuel di Unocookbook. Direi che Davide ha saputo godersi fino in fondo il suo dolcetto, leccandone la glassa, mangiandone qualche boccone, ma soprattutto cospargendosene dalla testa ai piedi. 

Altre due parole prima della ricetta. L’ultimo post risale a settembre dello scorso anno. Sono trascorsi molti mesi, è vero, e credetemi se vi dico che sono stati mesi bellissimi ma nel contempo pieni, frenetici. Ho dovuto trovare nuovi equilibri, ho ripreso a lavorare, Davide ha iniziato a frequentare l’asilo. Con la maternità, seppur adottiva, tutto è cambiato. Riconquistare degli spazi che siano solo propri è appunto, una conquista. Tutto questo per dirvi che ho una gran voglia di ricominciare a condividere con voi i miei esperimenti culinari e non solo quelli. Questo spazio mi è un po’mancato e ora cercherò di non lasciarmelo più scappar via. Come forse alcuni di voi avranno notato ho cambiato look al blog (grazie Barbara per il supporto!). Da questo post inizierò a scrivere la ricetta in italiano e in inglese e posterò una volta la settimana. Che ne dite?
Cupcakes alla vaniglia, vegani e senza glutine

1 tazza di latte di soia
1 cucchiaino di aceto di mele
1 ¼ tazza di farina senza glutine
2 cucchiai di fecola di patate
¾ cucchiaino di lievito
½ cucchiaino di bicarbonato
¼ cucchiaino di sale
1/3 tazza di olio vegetale
¾ tazza di zucchero
2 cucchiaini di aroma di vaniglia
1/3 tazza di gocce di cioccolato fondente
Accendete il forno a 170° e sistemate i pirottini nell’apposita teglia. Unite il latte e l’aceto e lasciate riposare alcuni minuti prima di aggiungervi lo zucchero, l’olio e la vaniglia. A questo punto versate nel composto liquido i restanti ingredienti e mescolate bene ma velocemente. Riempite per i 2/3 i pirottini e infornate per 20/22 minuti. 





Vanilla cupcakes, vegan and gluten free

1 cup soy  milk
1 teaspoon apple cider vinegar
1 ¼ cups gluten free flour
2 tablespoon cornstarch
¾ teaspoon baking powder
½ teaspoon baking soda ¼ teaspoon salt
1/3 cup canola oil
¾ cup sugar
2 teaspoons vanilla extract
1/3 cup chocolate chips

Preheat oven to 350° and line muffin pan with cupcakes liners. Whisk the soy milk and vinegar and set aside a few minutes. Beat together the soy milk mixture, oil, sugar and vanilla. Sift in the flour, cornstarch, baking powder, baking soda, salt, chocolate chips and mix well. Full cupcakes liners two-thirds of the way and bake 20-22 minutes.




Polpette di lenticchie e garam masala



Chi ha letto il mio ultimo post sa che ieri sera ho cucinato per un aperitivo, a tema “le spezie”,  svoltosi presso la Bottega Altromercato qui a Ferrara. C’erano tantissime persone e vi confido che all’inizio mi sono trovata un po’ spaesata e forse terrorizzata. Fin dalla mattina speravo che tutto filasse liscio e soprattutto che il cibo che avevo cucinato piacesse. Quando ho iniziato a vedere che le persone si riempivano, una, due, tre volte il piattino e i vassoi si svuotavano, ho ricominciato a respirare. 




Vi lascio la ricetta delle polpettine di lenticchie e garam masala, piaciute tantissimo anche ai bambini presenti. Credo potrebbe essere un buon modo per far mangiare un po’ di legumi ai bimbetti dai gusti più difficili.

300 gr di lenticchie
200 gr di patate
1 cipolla media
1 cucchiaino di erbe varie (rosmarino, origano, timo, maggiorana)
1 cucchiaino di curcuma
1 cucchiaino di garam masala

Accendere il forno a 180°.
Preparare un soffritto di cipolla, farlo dorare e aggiungere le lenticchie. Cucinare fino a che lenticchie saranno pronte. Nel  frattempo cuocere le patate al vapore e una volta cotte preparare un semplice purè. Quando il purè è pronto aggiungere le lenticchie e mescolare bene aggiungendo il mix di erbe, la curcuma e il garam masala.

Con l’impasto creare delle polpette, ne verranno una trentina, e disporle sopra una teglia rivestita di carta da forno. Infornare fino a quando saranno dorate oppure friggerle in padella con olio di mais o arachide.










Dolce ai datteri

Adoro i datteri. Quelli veri, intendo. Quelli carnosi, che si sciolgono in bocca e che non sono dolcissimi. Così con la mia amica A. abbiamo deciso di ordinarne giusto un po’: sette chili e mezzo, a testa ovviamente. Li abbiamo acquistati tramite il sito DateCoop. I nostri arrivano dal Pamir e sono paradisiaci. E così vai di dolci ai datteri! Nei prossimi giorni li userò per sperimentare qualche base crudista.



Intanto gli ingredienti per questa torta/plumcake sono:
8 cucchiai di farina di riso
6 cucchiai di farina di grano saraceno
1 cucchiaio di amido di mais
8 cucchiai di zucchero di canna integrale
il sostituto di due uova (+acqua corrispondente)
70 gr di margarina di soia o burro di cocco
una decina di datteri, senza nocciolo e tagliati a dadini
1 cucchiaino di lievito
50 ml circa di latte di soia/riso
un pizzico di sale

Accendere il forno a 180° e oliare e infarinare una teglia da plumcake. Mescolare il sostituto dell’uovo con l’acqua. Unire lo zucchero,  la margarina (o il burro), le farine, l’amido di mais e il latte.  Mescolare per bene. Incorporare i datteri e infine il lievito e un pizzico di sale. A questo punto versate il composto nella teglia e infornate per 30/35 minuti. Lasciate raffreddare completamente quindi spolverate con dello zucchero a velo.




Visto che ci siamo ne approfitto per annunciare a chi abita a Ferrara, o nei dintorni, che domani martedì 23 settembre presso la Bottega Altromercato di Ferrara (via Garibaldi, 26) dalle ore 19.15 si potrà gustare un ricco aperitivo a tema "le spezie" con tanti piatti preparati dalla sottoscritta. Fate un salto, sarà anche un occasione per conoscersi e fare quattro chiacchiere. Vi aspetto!



Brownies al cioccolato crudisti



Ultimamente la dieta crudista mi incuriosisce. Quando riesco cerco di mangiare alimenti semplici e a crudo e noto che questo corrisponde sempre a un immediato aumento di energia e capacità di concentrazione. Se poi vi capita di passare da Torino fate un salto (prenotate eh!) da Soul Kitchen, ristorante vegano e
crudista spettacolare; se nutrite dubbi o perplessità circa questa cucina ne uscirete innamorati (e con la pancia piena!).
Anyway,  questo è il mio primo dolce crudista, facile facile ma buonissimo.
Servono:
1 tazza di cocco
1-1/2 tazza di semi di chia
1/4 tazza di cacao
1/2 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di vaniglia
1 tazza di uvetta, ammollata
6 datteri, ammollati
1/4 tazza di sciroppo d'agave

Mescolate i primi 4 ingredienti in una terrina capiente.
Frullate l'uvetta e i datteri aiutandovi con l'acqua di ammollo fino ad ottenere un composto morbido. Unite i datteri e l'uvetta agli ingredienti secchi, aggiungete la vaniglia, l'agave e mescolate bene.
Trasferite il composto, premendo bene con le mani, in una teglia di vetro foderata con della carta da forno e trasferite in frigo.
Yum!